mercoledì 24 ottobre 2012

Consiglio Comunale Ottobre 2012

2 commenti:

  1. Osvaldo Vecellio None31 ottobre 2012 11:41

    Complimenti alla nuova amministrazione di Auronzo, comune evidentemente non più a vocazione turistica. L'applicazione dell'aliquota IMU del 10.6% sulle seconde case (in un paese dove ci sono già centinaia di appartamenti in vendita) a mio parere farà si che molti altri decideranno di vendere. L'assimilare i proprietari di seconde case di Auronzo a quelli di Cortina non tiene evidentemente conto ch
    e la gran parte delle seconde case sono state acquistate negli anni 60/70 da proprietari oggi in gran parte pensionati. Gli stessi, utilizzando mediamente gli appartamenti per non più di uno o due mesi, già contribuiscono pagando per intero la tassa rifiuti (a beneficio dei residenti) in cambio di servizi spesso carenti (vedi lo stato pietoso di Via Venezia con prevalenza di seconde case). Anche l'attaccamento affettivo al proprio paese evidentemente non paga (molti Auronzani mantengono l'appartamento o la casa di famiglia pur abitando altrove).
    Considerato globalmente il costo di un secondo appartamento in Auronzo, converrebbe probabilmente passare lo stesso periodo in un albergo della Pusteria o del Trentino.
    Molti probabilmente non la penseranno come me, ma (continuando ad amare il mio paese)ho ritenuto giusto esternare
    le mie considerazioni.

    RispondiElimina
  2. Paola Vecellio6 novembre 2012 00:45

    Egregio Osvaldo, ha perfettamente ragione. In un paese dove di Monti (cognome) ce ne sono tanti, alcuni anche di buon senso, questa amminstrazione da chi prende spunto? dal Monti nazionale.
    Con un lampo di genio l'assessore (in)competente, per mettere una pezza al bilancio malfatto quale innovativa e cervellotica soluzione ti trova? Mancano 200.000 euro? aumentiamo le tasse di 200.000 euro!
    E intanto lo facciamo con le seconde case, poi si vedrà.
    L'economia si regge sulle seconde case, molte di proprietà degli auronzani che le affittano.
    Si dimentica che le seconde case fanno vivere muratori, falegnami, panettieri, auronzani che poi mantengono i dipendenti pubblici, i sanitari, i pensionati.
    C'erano i villeggianti che comperavano sigarette, investivano i risparmi nel sistemare il tetto, andavano a rifugi.
    In pratica mantenevano la giunta, oltre che il paese.
    Bravi.
    Tagliarsi via gli attributi per far dispetto alla moglie!


    RispondiElimina