mercoledì 30 aprile 2014

La Regola de Gioanin

 Ricevo da Vecellio Salto Giovanni e integralmente pubblico.

Preg. ma Signora                                                                   
Alessia Pais Golin in Segat                                                   
 AURONZO
 Secondo le regole della buona educazione  sarei tenuto a scusarmi del disturbo che le vengo a procurare: ma sarebbe ipocrisia . Da vecchio regoliere non posso che porgerLe  sentite  congratulazioni per il Suo intervento nella appena trascorsa  Assemblea di Regola, in merito al  voto femminile. Finalmente un ragionamento fondato sul buonsenso. C'era gia stato un precedente – mi pare nella Assembldel 2010 -  cui la Regoliera  Vecellio Galeno – abbandonò  la sala a fronte alle  sconsiderate affermazioni di un certo collega-regoliere che coi tempi nuovi si trova a convivere malamente. Purtroppo fu la sola. Altre regoliere, con ben altri  "meriti ", esperienze, perfino conoscenza storiche ( come apprendo da certi "blog ")  se ne stettero quiete e tranquille, come se l'offesa loro arrecata, non avesse un minimo di fondamento. E a ben guardare – se si hanno occhi per vedere – questo straccio di paese chiamato Italia  si ritrova governato – per buona parte - dalle donne. A dimostrazione che Lei ha ragione e la cosiddetta "dirigenza " della Regola, torto marcio.
Lei donna moderna, - la pensi  come le pare – erede legittima delle Sue Ave  da cui abbiamo  avuto in consegna " – solo in consegna – un patrimonio di valore incalcolabile. Se ne abbia il merito di averlo capito.  Patrimonio – che  non è caduto dal cielo ma è  stato strappato da loro donne a una natura ingrata  con fatiche da schiave durate secoli, e ora affidato a mani di poco affidamento.
Faccio voti che il Suo richiamo alle donne regoliere  a prendere nelle loro mani la difesa di questo  patrimonio sia  raccolto,  
 
Con riconoscenza le porgo deferenti saluti
  
Vecellio Salto Giovanni – via Pospizza  30 – Auronzo –    g.vecelliosalto@libero.it
 

12 commenti:

  1. Salve a tutti, sono Mauro Frigo e credo sia giusto fare un po' di chiarezza sull'argomento e mi rammarico per quanta demagogia sia stata fatta.
    I fatti sono questi, ci hanno chiesto e ci siamo chiesti, come sia possibile che all’Assemblea dei REGOLIERI possa partecipare un NON REGOLIERE, denigrando tutti e denunciando gli amministratori agli enti competenti, i quali dopo quasi un anno e varie richieste di chiarimenti hanno riscontrato la correttezza del nostro operato.
    Non bastasse, questo NON REGOLIERE contradicendo anche l’Ente Regionale a cui si era rivolto, ci ha nuovamente denunciato per gli stessi motivi, alla Procura della Repubblica e alla Corte dei Conti.
    Questa persona partecipa all’Assemblea con la delega della Moglie, delega prevista dall’Art. 21 del Laudo.
    Secondo le Antiche Consuetudini sempre osservate, la Donna Regoliera che sposava un non Regoliere perdeva i diritti e perciò non si sarebbe mai potuto verificare che un estraneo partecipasse alla Regola, da quanto mi è dato sapere, questa modifica delle Antiche Consuetudini esiste solo nella Regola di Villagrande di Auronzo.
    Di qui la necessità di fare chiarezza, ho cercato nei documenti della Regola e ho scoperto che questo si è verificato a seguito di una delibera della Commissione Amministrativa del 2001, a seguito della quale sono stati aggiunti 235 nominativi nel Catasto del 2002, senza portare il tutto al voto dell’Assemblea e quindi contro il regolamento.
    Oltre ad essere moralmente scorretto nei confronti dei Regolieri c’è anche da valutare l’aspetto legale, qualora si prefigurasse che l’atto è nullo (e le ipotesi non sono poi così remote), tutto ciò che è stato fatto e soprattutto tutto ciò che si farà a seguito di tale provvedimento è nullo, come se non esistesse.
    Per la salvaguardia della Regola, noi amministratori una volta venuti a conoscenza dei fatti, abbiamo l’obbligo di adottare tutte le procedure necessarie per ristabilire la legalità, si è iniziato informando l’Assemblea e tramite un voto a titolo consultivo, abbiamo raccolto il parere dei Regolieri in merito.
    Spargere la voce che questa Commissione Amministrativa voglia estromettere le Donne dalla Regola è quanto di più meschino si possa dire, soprattutto se lo scopo è di spostare l’attenzione creando un falso problema per nascondere la grave irregolarità avvenuta nel 2002.
    Credo sia giusto informare che noi Amministratori non abbiamo partecipato al voto, in questo momento il nostro compito è quello di ristabilire la legalità e perciò volutamente non abbiamo preso alcuna posizione nel merito.
    Mauro Frigo

    RispondiElimina
  2. Vecellio Salto Giovanni7 maggio 2014 16:11

    PARTE PRIMA
    Caro Andreas,
    I più sentiti ringraziamenti per la pubblicazione della mia lettera alla figlia dell’attuale Presidente ( supplente ) – Prova di quanto sia ANORMALE questo paese, dove un individuo trova ascolto solo da parte di chi stà - chiaramente e senza ambiguità – dall'altra parte del fronte.
    Grazie per aver costretto il VERO Presidente – con la pubblicazione citata – a trovare qualche “giustificazione fasulla” a un problema VERO: che la figlia del Presidente “virtuale” ha sollevato in Assemblea. Grazie anche di aver ospitato lo scritto che il Frigo – ti rispedisce in risposta - con tempestività stupefacente ( 5 ore dopo ) - dove cerca di dar quella risposta che né il padre PRESIDENTE “virtuale” ha saputo dare alla figlia, né che lui – il Frigo Turco - PRESIDENTE DI FATTO – riesce a dare.
    Quel che stupisce è la mancanza di ogni senso logico del discorso con cui il regoliere FRIGO TURCO Mauro – eletto a PRESIDENTE – dopo aver rinunciato alla carica - poi in maniera balorda si riprenda il posto a cui aveva rinunciato, a suo libero arbitrio.
    E se Auronzo fosse paese normale si dovrebbe porre il problema elementare di accertare chi è il VERO presidente della regola . Il Pais Golin o il Frigo Turco?
    LAUDO alla mano, spetta al Presidente rappresentare la Regola, non al suo collaboratore, che di volta in volta è Vicepresidente, Segretario, e quanto altro, a sua discrezione.
    E dovrebbe far riflettere il fatto che il Frigo – risponda nel giro di 5 ore – a una lettera che in sostanza è privata a tutti gli effetti, mentre da mesi la richiesta dei Regolieri di avere accesso agli atti di regola trova ostacoli insormontabili, non previsti da nessun LAUDO visibile, nè dai LAUDI precedenti che ne sono la indispensabile premessa. Il tutto sotto regia del FRIGO, non del Presidente - messo nel “cianton de la scoa”, per scelta Municipale.
    Cito solo un esempio della “supponenza”del Nostro ( ne potrei citare a decine ).
    Se leggesse di più – e comprendesse quello che legge – per esempio l’art. 3 della Carta Costituzionale si renderebbe conto che le Regole – residuo storico regalatoci da Napoleone nel 1806 - in attesa di sistemare a suo modo l’Europa,- con la Delibera n. 144 del Consiglio di Amministrazione della regola ( che per brevità il seguito abbrevierò in CAR ) di deliberò – su proposta, di Da Corte Cavalier Livio – di rendere finalmente - GIUSTIZIA alle donne regoliere – E sempre se leggesse – e comprendesse quel che legge – si renderebbe conto di MENTIRE, o per ignoranza o per malafede. Se si prende la briga di andare nella vicina Campolongo di Comelico, può aver l’onore di colloquiare con la Vice Presidente di Regola e scoprirà che una DONNA. E sempre se leggesse – e comprendesse quel che legge – dovrebbe sapere che nella Comunanza Ampezzana e in corso un dibattito in materia, che si trascina da tempo.

    RispondiElimina
  3. Vecellio Salto Giovanni7 maggio 2014 16:21

    PARTE SECONDA
    Ma scendo di un gradino e domando: il FRIGO nel 2001, era - anche allora - Regoliere e alla pubblicazione della Delibera all’ Albo Pretorio - se avevaone ragioni da far valere – perché non ha fatto ricorso come era suo diritto di fare ? E in Regione – notoriamente “amica delle Regole – avrebbe trovato amichevole ascolto? Lo stesso ascolto che il Michelli ha avuto in Regione con il dott. La Pria, come riprova che come “ regoliere per delega della moglie – era pienamente riconosciuto - Come fa notare il regoliere Delfo Monti – il Frigo sà poco di logica, ma in aritmetica se la cava ancora peggio. Dal 2001 sono trascorsi ben 13 anni. Cioè l'elenco dei Regolieri e Regoliere è stato approvato 13 volte. Dal 2010 il FRIGO è in regola come “ deo ex machina”. E solo adesso – per completare – l’opera miserabile della estromissione del Da Corte dalla Regola – vuol compiere la sua vendetta postuma? Non ti pare MAURO di essere “ un po’ fuori tempo massimo? E La verità è che – liquidato – il Da Corte, e successivamente - per diverse ragioni - l'ex Marigo Vecellio, il Bombassei Walter, di avere tolto di mezzo la Segretaria dal partecipare al CAR – ( la garante della serietà dei verbali ) hai completaro l'opera eliminando i SINDACI Supplenti – anch'essi eletti a norma di LAUDO - . Ti restava la REGOLIERA – Sindaco di Regola - Bombassei Nadiria - con la sua facoltà di delegare il marito – non regoliere - a rappresentarla in Assemblea. Ed è – il Michelli – un “non pollo” - che come il Da Corte – fa domande e vuol ottenere risposte. Siccome vi rifiutate di darle si rivolge a chi è incaricato di far rispettare le leggi per ottenerle: E questo scatena il tuo rancoroso risentimento di dittatore dei polli ”spennati”. Ti pare, Mauro, tanto strano o sei tu a essere a aver bisogno di cure mentali?
    E minacci chissà quali sconquassi sull'attività passata della Regola, senza renderti conto che - così facendo - ti perderesti la Presidente dei Sindaci, - ( ahimè,) - donna anche Lei - ma che domande NON ne fa. Sopra tutto quelle, per - SEI MAGNIFICI e insindacabili – SCOMODE ? Cosa c’è di strano ? Se gli organi di giustizia – cogliendo le cose dal Michelli denunciate - accertano che il regoliere Corte Metto Giuseppe ( parente del FANIA allora Sindaco ) al Lago d’Antorno ha agito “scorrettamente” nell’acquistare dal Comune di Auronzo beni della contesa partita 402, in zona tutelata come zona ambientale fin dai tempi del fascismo, se ha ottenuto licenza edilizia, se ha costruito l’albergo in luogo diverso dal “sedime” acquistato e ha violato una o più leggi, la cosa non dovrebbe toccarti molto. Diverso il ruolo della povera Daniela che deve “ tirare “ i fili delle “marionette supponenti”, per salvare il salvabile. Se la giustizia funziona – e io soggettivamente, conservo qualche dubbio,- bene. Se funziona, poco o male, dovremmo farci qualche pensierino, da cittadini, non da “polli”.

    RispondiElimina
  4. Vecellio Salto Giovanni7 maggio 2014 16:32

    TERZA PARTE Ma scendo di un gradino e domando: il FRIGO nel 2001, era - anche allora - Auronzo e alla pubblicazione della Delibera all’ Albo Pretorio - se aveva buone ragioni da far valere – perché non ha fatto ricorso come era suo diritto di fare ? E in Regione – notoriamente “amica delle Regole – avrebbe trovato amichevole ascolto? Lo stesso ascolto che il Michelli ha avuto in Regione con il dott. La Pria, come riprova che come “ regoliere per delega della moglie – era pienamente riconosciuto - Come fa notare il regoliere Delfo Monti – il Frigo sà poco di logica, ma in aritmetica se la cava ancora peggio. Dal 2001 sono trascorsi ben 13 anni. Cioè l'elenco dei Regolieri e Regoliere è stato approvato 13 volte. Dal 2010 il FRIGO è in regola come “ deo ex machina”. E solo adesso – per completare – l’opera miserabile della estromissione del Da Corte dalla Regola – vuol compiere la sua vendetta postuma? Non ti pare MAURO di essere “ un po’ fuori tempo massimo? E La verità è che – liquidato – il Da Corte, e successivamente - per diverse ragioni - l'ex Marigo Vecellio, il Bombassei Walter, di avere tolto di mezzo la Segretaria dal partecipare al CAR – ( la garante della serietà dei verbali ) hai completaro l'opera eliminando i SINDACI Supplenti – anch'essi eletti a norma di LAUDO - . Ti restava la REGOLIERA – Sindaco di Regola - Bombassei Nadiria - con la sua facoltà di delegare il marito – non regoliere - a rappresentarla in Assemblea. Ed è – il Michelli – un “non pollo” - che come il Da Corte – fa domande e vuol ottenere risposte. Siccome vi rifiutate di darle si rivolge a chi è incaricato di far rispettare le leggi per ottenerle: E questo scatena il tuo rancoroso risentimento di dittatore dei polli ”spennati”. Ti pare, Mauro, tanto strano o sei tu a essere a aver bisogno di cure mentali?
    E minacci chissà quali sconquassi sull'attività passata della Regola, senza renderti conto che - così facendo - ti perderesti la Presidente dei Sindaci, - ( ahimè,) - donna anche Lei - ma che domande NON ne fa. Sopra tutto quelle, per - SEI MAGNIFICI e insindacabili – SCOMODE ? Cosa c’è di strano ? Se gli organi di giustizia – cogliendo le cose dal Michelli denunciate - accertano che il regoliere Corte Metto Giuseppe ( parente del FANIA allora Sindaco ) al Lago d’Antorno ha agito “scorrettamente” nell’acquistare dal Comune di Auronzo beni della contesa partita 402, in zona tutelata come zona ambientale fin dai tempi del fascismo, se ha ottenuto licenza edilizia, se ha costruito l’albergo in luogo diverso dal “sedime” acquistato e ha violato una o più leggi, la cosa non dovrebbe toccarti molto. Diverso il ruolo della povera Daniela che deve “ tirare “ i fili delle “marionette supponenti”, per salvare il salvabile. Se la giustizia funziona – e io soggettivamente, conservo qualche dubbio,- bene. Se funziona, poco o male, dovremmo farci qualche pensierino, da cittadini, non da “polli”.
    A conclusione del mio sproloquio, mi rifaccio alla lettera che la Regola mi invia con il n. 128 di protocollo del 17-03-2014 - in risposta a mia precedente del 19-11-2013 con cui chiedevo copia di TUTTI i verbali sia delle delibere del Consiglio di Amministrazione da voi emessi al fine di poter continuare il lavoro di “ scarso e inadeguato storico di Regola”. Annoto che 120 giorni per una risposta sono troppi , rispetto alle 5 ore che impieghi – in un ruolo che non è il tuo - a rispondere a una lettera –privata .
    E la risposta contiene in sè tutta la “ falsita” abituale con cui rispondete a tutti gli Enti con cui venite in contatto. Regione in primis. Io avevo chiesto – ( in base a un documento abusivamente introdotto da voi, che nessun Laudo mai ha previsto ) e mi sento rispondere che non ho “ “specificato” quali documenti richiedo. E al Golin domando : Sai leggere quello che leggi e che firmi ? TUTTI significa tutti, compresi quelli che avete “segretato” a vostra discrezione e a danno della possibilità per i Regolieri di conoscere la verità dei fatti.

    RispondiElimina
  5. Vecellio Salto Giovanni7 maggio 2014 16:36

    QUARTA PARTE
    Cambiando la stessa domanda : Se le cose che state combinando Vi fanno onore, perché ostacolare un poveraccio che col poco senno che ha, vuol lasciare ai posteri “ traccia “ dei Vostri meriti ? Se non vi vado bene trovate qualcosa di meglio. Ma fatelo!.
    Aggiungo. Su quali documenti, laudi, regolamenti ti saresti documentato, caro Mauro, se siamo l'unico paese regoliero che non la raccolta dei Laudi, e in biblioteca manca perfino la storia del Cadore del reverendo CIANI ? O è la tua, altra affermazione da “badanai” ?
    Sul TUO Laudo, che vantavi, anni fa di aver già predisposto a disposizione – via nternet – per l'ex Marigo Vecellio – che ancor oggi lo stà attendendo? - Citami i documenti - uno per uno -. da cui ricavi le tue “conoscenze, Rendi questo servizio a noi “polli” in cerca di “chiarimenti”. O – per caso, solo per caso, volete NASCONDERE le cose, perché operate “ da polli” come spennatori di “ polli più sprovveduti di Voi” per giunta per conto terzi???
    O, sotto sotto, vi vergognate di quello che state facendo? E’ solo una domanda !
    So benissimo che nè il Frigo Turco nè il Giuseppe Golin risponderanno, nè fra le prossime 5 ore, nè nei prossimi 5 mesi – Sono 14 anni che aspetto che mi siano restituiti dei documenti di mia proprietà – prestati per la difesa della Regola, ma mai sono riuscito a ottenerli – E oltre 850 domande – tutte a protocollo - rimaste TUTTE senza risposta ?
    E poi per rispondere bisogna SAPER RISPONDERE CON UN MINIMO DI BUON SENSO – di cui siete – entrambi, tu e il Golin,- molto scarsi. Le verità è quella di sempre : NON SIETE IN GRADO DI DARLE QUESTE RISPOSTE ! Confido che con l'ingresso MASSICIO delle donne regoliere – qualcosa cambi, in meglio. Dopo fatte le Regole,vogliamo metter mano a FARE i REGOLIERI, tutti, maschi e femmine uniti e collaboranti, oppure no!
    Caro Andreas, ti ringrazio se mi darai ospitalità anche stavolta ma risparmiami quella “ LA REGOLA DE GIUANIN”. Io non ho nessuna regola, ne in regola ho diritto alcuno. Ho solo una promessa da mantenere, fatta a un Regoliere degno del suo ruolo, Fino alla fine dei miei giorni. Purtroppo a tutela di una comunità che di senso civico e di dignità personale è stata privata in secoli di servaggio.
    Ti saluto cordialmente,
    g.vecelliosalto@libero.it.

    RispondiElimina
  6. si commenta da solo!!!!!! un uomo che può insegnare tanto e dal quale tutti dovremmo imparare, ma dovremmo anche predisporci a lui con umiltà e non con l'arroganza che regna sovrana
    Da Corte Cavalier Valentina

    RispondiElimina
  7. Ciao Andreas,
    mi scuso se uso il Tuo Blog per ribattere al Gioanin, soprattutto per questioni che nulla hanno a che fare con i contenuti che proponi, ma non posso accettare tutte queste falsità e ipocrisie senza replicare.

    Caro Gioanin, rispondo alle Tue farneticazioni precisando che:
    1) Il Laudo non dice che diventa Presidente chi riceve più voti, fin dal primo mandato elettivo il ruolo di Presidente è stato deciso all’interno del Consiglio, di fatti non ha fatto il Presidente Marco che ha ricevuto più voti, ma Tuo fratello Mario.
    2) Nella Regola di Campolongo, unica in tutto il Comelico, anche le donne possono partecipare alle Assemblee, votare ed essere votate, proprio come ad Auronzo, ma se si sposano con un non Regoliere perdono ogni diritto, al contrario di quanto succede solo da noi, questo ha permesso l’ingresso nella Regola ad un Non Regoliere.
    Da studioso come sei, saprai benissimo che le Regole sono composte da fuochi famiglia e il nucleo famigliare MICHELLI non mi risulta tra gli antichi originari portatori del Cognome del Casato Regoliero, quindi privo dei requisiti essenziali previsti dal Laudo per poter essere definito Regoliere.
    3) Come puoi dire che l’elenco dei Regolieri dal 2001 ad oggi è stato approvato 13 volte, se proprio nel 2002 anno in cui sono stati introdotti 235 nuovi componenti, non è nemmeno stato inserito all’ordine del giorno dell’Assemblea dei Regolieri e di conseguenza la variazione non è stata ne comunicata ne tanto meno approvata, a mio giudizio, essendo avvenuta senza rispettare il regolamento e senza il voto dei Regolieri, la variazione è nulla.
    4) Per quanto riguarda il Da Corte, non è vero che è stato estromesso, è invece vero che la Sua candidatura non è risultata conforme al Laudo, questo è stato stabilito da una Commissione Arbitrale composta da Regolieri al di sopra delle parti e di indiscussa capacità e integrità morale, mentre l’ex Marigo Vecellio e il Bombassei Walter si sono dimessi di loro spontanea volontà, e non certo perché l’ho voluto io, anzi io non volevo accettare le dimissioni soprattutto quelle del Bombassei.
    5) Altra bugia meschina quando dici “hai completaro (completato) l'opera eliminando i SINDACI Supplenti “la verità è che io ho sempre sostenuto che i Sindaci Supplenti non partecipano alle riunioni della Commissione Amministrativa ma “i supplenti subentrano ai titolari e rispondono del loro operato esclusivamente in caso di morte, rinunzia o decadenza dei titolari”, e di questo mi è stato dato ragione anche dai funzionari della Regione, se non mi credi chiedi al Sindaco Supplente Bombassei de Bona Nadjria cosa gli hanno detto a Venezia.
    6) Per quanto riguarda il Lago Antorno, ho potuto leggere tutti i documenti e non è vero che Bepi ha costruito in luogo diverso dal sedime acquistato e per quanto riguarda la vendita e la licenza edilizia non sono ne più ne meno corrette di quasi tutte le vendite e licenze edilizie fatte a Misurina in quel periodo, compreso il terreno e la costruzione dove si trova l’attività gestita dal Michelli con la moglie, che prima di denunciare gli altri dovrebbe pensare per sé.
    7) Ci vuole proprio una bella faccia tosta per tirare in ballo la questione del Lago d’Antorno, proprio Tu che hai costruito la Tua casa sul terreno della Regola di Villapiccola, beni indivisibili, inalienabili e inusucapibili, se sei un Regoliere come sostieni, spiega ai Regolieri come hai potuto acquistare un bene che proprio Tu definisci invendibile, non c’è nessuna differenza tra Cospizza e Misurina sempre Regola è. Tra l’altro non erano proprio gli anni della SCOPA? Quando tenevi i comizi e dicevi che volevi ripulire il paese, invece ti facevi gli affari tuoi, caro Gioanin, anche oggi come all’ora, predichi bene ma……. Sei proprio un bell’esempio di moralità e il peggio è che ti permetti di insultare chi, senza nulla chiedere, cerca di fare qualcosa per il paese (sia nella Regola che nel Comune), VERGOGNATI.

    RispondiElimina
  8. 8) Sei di nuovo bugiardo quando dici di aver chiesto copia di TUTTI i verbali e delle delibere da noi emesse, Tu hai chiesto copia di tutti i documenti della Regola (c’è un documento con la Tua firma che lo conferma) e noi ti abbiamo risposto chiedendoti di precisare quali documenti vuoi, hai idea di quanto ci vorrebbe per fare copia di tutto? La Regola non può assumere una persona solo per assecondare le Tue richieste, tra l’altro leggendo le Tue lettere si capisce che se non hai tutti i verbali pochi sono quelli che ti mancano.
    Ad ogni modo, dopo che hai precisato quali sono i documenti che ti servono, devi avere un po’ di pazienza perché è dall’estate scorsa che ho chiesto copia dei verbali della Commissione Amministrativa relativi agli anni 2001 / 2002 / 2003 e la Segretaria mi ha risposto che ci vuole tempo e ad oggi sto ancora aspettando.
    9) Caro Gioanin, i documenti di Tua proprietà li hai consegnati a Tuo fratello Mario, che non li ha mai trasmessi a noi, quindi se li rivuoi l’unico a cui puoi e ti devi rivolgere, è tuo fratello Mario.
    Tanto per capire quanto sei meschino è giusto informare tutti che, il Presidente Bepi si è adoperato per recuperare le copie dei documenti uguali a quelli che hai consegnato a tuo fratello Mario, dall’archivio comunale, ma a te non è bastato, Tu prima hai preteso gli originali e poi hai chiesto che le copie siano autenticate. Prima che la Regola spenda più di 1200 euro in bolli per l’autenticazione ti abbiamo chiesto una lettera in cui dichiari che a seguito della consegna dei documenti autenticati, ti ritieni soddisfatto e consideri chiusa la questione, siamo ancora in attesa di questa dichiarazione, ma credo che non la scriverai mai, a Te interessa solo avere un pretesto per denigrare.
    Io penso che tra Te e Gianni l’unica differenza è che uno è Regoliere e l’altro no, per quanto riguarda gli insulti e le denunce siete praticamente uguali, se solo una minima parte di quanto denunciate fosse vera, dovremmo essere tutti indagati se non addirittura in galera, ma per ora gli enti preposti a cui vi siete rivolti hanno constatato la correttezza del nostro operato.
    Vedi Gioanin, è dai tempi della Scopa che contesti tutto e tutti, ma che Tu abbia fatto qualcosa di concreto e di positivo per il paese o per le Regole non mi risulta, sei sempre lo stesso vecchio bisbetico che ci mandava via quando da ragazzini cercavamo di andare alle cascate de Ambata passando per la terra di tutti, ad ogni modo se vuoi scrivere la storia della Regola comincia da quel pezzo di terra a Cospizza, sono sicuro che hai tutti i documenti per farlo.

    Auronzo 10 maggio 2014 Da privato Regoliere, Mauro Frigo

    RispondiElimina
  9. Non voglio entrare in merito alla tua risposta a Giovanni Vecellio Salto,anche se come regoliera e come donna ne avrei da dire: vergognati nel porti in questo modo con una persona anziana da cui dovresti solo imparare,quando non si hanno argomenti l'unica arma e' la cattiveria e la volgarità.
    Grazie ad Andreas per l'ospitalità.
    Vecellio None Antonella

    RispondiElimina
  10. Mariantonia Corte Pause19 maggio 2014 23:00

    Salve neanche io entro in merito alle Vostre discussioni ma vorrei dire a Mauro Frigo che tutti sono liberi di esprimere la propria opinione, e di lottare in ciò che credono, che poi Voi la condividiate o meno non importa!!!!!!!! per la prima volta ho partecipato ad una assemblea delle Regole di Villagrande e lasciatemi dire che mi sono vergognata di essere lì.......perchè ero lì per difendere il diritto ripeto il DIRITTO delle donne REGOLIERE ma che hanno sposato un non regoliere perchè se riuscivate le buttavate fuori e non dite di no perchè non mi piace essere presa in giro. Invece di fare queste cose cercate di riprendervi quello che è delle Regole, come Misurina, le Tre Cime ecc........... prima che il nostro "amato" Comune venda tutto per risanare questi mutui tanto discussi.

    RispondiElimina
  11. Giovanni Vecellio Salto20 maggio 2014 18:39

    PARTE PRIMA
    Caro Mauro,
    Uso a parlare dopo aver accuratamente controllato – e ricontrollato - la fondatezza delle fonti – mi si impone l’obbligo di congratularmi con te per l’estrema attenzione con cui esamini i miei sproloqui. E nel tuo nuovo ruolo di “correttore di bozze” hai scoperto un mio errore di battuta, e lo fai rilevare per la sua enormità . Roba da ergastolo o da Collegio Arbitrale Auronzano.
    Congratulazioni! E ti do altresì ragione quando affermi che la rinuncia da te fatta a favore del Pais Golin, - è del tutto legittima. Date a Cesare quel che è di Cesare, diceva Gesù Cristo .
    I LAUDI precedenti dicevano ben altre cose, ma dove sono finiti secondo te ?
    Nella soffitta del Palazzo Corte Metto in attesa di essere spediti al macero ?
    Per il resto del tuo dire sono solo mattoni aggiunti alla Muraglia Cinese della Bugia Municipalista.
    Menti quando mi attribuisci il ruolo di Studioso. Sono solo un poveraccio con la quinta elementare,
    che da oltre 50 anni cerca di trovare risposta a una domanda : Come mai un Comune nato nel 1806 ANORMALE si ostini di restare, ANORMALE anche quando - per il mutar dei tempi – si è ritrovato - in veste di CUSTODE - di un patrimonio di VALORE PLANETARIO, e deve - amaramente constatare di non essere in grado di assicurarne una decente gestione.
    E non ripeterò l’errore – da molti rilevato, e da me preso sottogamba – di porre troppe domande
    “fuori norma” a persone non in grado di dare risposte oneste e responsabili.
    Come chiedere a una sveglia caduta dal balcone di dar l’ora esatta di un Rollex.
    Cominciamo dall’inizio della tua carriera : Mi dicevi nel tuo primo scritto : SONO D’ACCORDO CON TE, Giunin quando dici CHE FATTE LE REGOLE SENZA I REGOLIERI bisognava
    FARE I REGOLIERI – Parole tue, nero su bianco. Verificabili da chiunque lo desideri.
    E a solo titolo di esempio ti metto sotto il naso la lettera di DIMISSIONI dell’ex Marigo da amministratore di Regola a prova di come Voi Municipalisti intendete COSTRUIRE il REGOLIERE modello; informato, conoscitore di Laudi, cosciente delle responsabilità che comporta l’avere in CUSTODIA un Bene come le REGOLE.

    RispondiElimina
  12. Giovanni Vecellio Salto20 maggio 2014 18:41

    PARTE SECONDA
    Spett. Presidente della Magnifica Regola di Villagrande di Auronzo di cadore
    P.zza S. Giustina
    Gent.ma Presidente del Collegio Sindacale della Magnifica Regola di Villagrande di Auronzo di cadore
    P.zza S. Giustina
    p.c. direzione enti locali regione veneto

    Oggetto : dimissioni dalla carica di componente della Commissione Amministrativa della Magnifica Regola di Villagrande.

    Dopo più di vent’anni in cui il tema regole mi ha prima incuriosito e poi appassionato, prima come presidente del comitato per la ricostituzione delle regole auronzane, poi come presidente per due mandati della Magnifica regola di Villagrande, speravo che tali istituzioni avessero portato nella comunità regoliera quello spirito di partecipazione e di orgoglio che nel passato era e ancora si trova in zone limitrofe.
    L’essere i custodi di un patrimonio ambientale da noi ereditato e che abbiamo il dovere di trasmettere alle future generazioni , implica da parte degli amministratori di regola un impegno e una determinazione libera da influenze esterne e da qualsiasi condizionamento.
    Noto invece, sia da parte dell’amministrazione regoliera, sia dalla maggioranza dei regolieri stessi , la mancanza di volontà nell’affermare i propri diritti, la sudditanza nei confronti del Comune nel rivendicare un patrimonio indiviso già riconosciuto con sentenze passate in giudicato.
    Comune anomalo il nostro, in cui proventi derivati da beni collettivi di natura collettiva sono utilizzati anche per coprire spese ingenti ,per cause perse dalle varie amministrazione succedutesi nel tempo.
    Ma c’è la pace sociale da salvaguardare, e pertanto non bisogna disturbare il manovratore o contrastare i vari interessi in gioco.
    Ho trovato all’interno dell’amministrazione regoliera un clima di completa chiusura nei confronti di chi non concorda con l’operato del presidente e vicepresidente, allo scopo evidente di evitare il confronto.
    L’arroganza degli attuali amministratori, l’assenza o l’acquiescenza del collegio sindacale nelle scelte della direzione, l’interpretazione del laudo,e cosa gravissima la sospensione di un consigliere , rende la gestione all’interno della regola impossibile.
    L’ultimo atto del presidente e del vice presidente è la segregazione di documenti inviati alla regione, senza coinvolgere l’intero consiglio d’ammininistrazione ed il collegio sindacale.
    Rivolgo un ringraziamento ai regolieri che mi avevano votato e auspico che le nuove generazioni sappiano sfornare amministratori della regola in grado di fare ciò che io avrei voluto fare e non ho fatto.

    Revoco pertanto la mia carica di membro della commissione amministrativa con effetto immediato.

    Regoliere Vecellio Salto Mario

    Per il prossimo avvenire ti garantisco – un punto alla volta - per evitarti di andare il TILT –
    risposta a ognuna delle TUE domande, che hanno una sola scusante, la PRESUNZIONE come
    parente povero del più elementare BUONSENSO.

    Salute a te, alla Banda musicale regoliera, alla “siora dei giornai” e a tutto il “pollaio”

    g.vecelliosalto@libero.it - Via Pospizza 30 – Auronzo – Cell. N. 329-76-22-030

    RispondiElimina