lunedì 10 ottobre 2011

il Palaghiaccio

ricevo da "Marco":


Come stanno le cose oggi ? Quale futuro per il palazzo del ghiaccio ? Nel futuro progetto di rinnovamento verra reso multifunzionale accorpando altre stutture ? Ritengo giusto che l'amministrazione dica la sua in relazione ad oggi e a domani. L'utilità del sito è per dare informazioni e non per fare polemiche questo sarebbe lo scopo migliore.


Di venditori di fumo ne sono pieni i libri (e i blog), di progetti pieni i cassetti di ogni pensatore. Le scrivanie del Comune di Auronzo ne sono colme, sogni messi su carta. Anche noi ne abbiamo aggiunti, anch'io. Farveli vedere, "venderli", sarebbe farsi bello della mole di lavoro svolto, sarebbe una "operazione trasparenza al contrario". Ma sarebbe illudere. Cosí come noi siamo stati illusi più volte perchè la domanda di finanziamento non va a buon fine. Qualche esempio? zitti zitti abbiamo presentato, solo nell'ultima settimana,  richiesta per il giro d'Italia, per un torneo di rugby sul lago di Misurina, richiesta di finanziamento per la centrale a biomasse, lo stesso per un progetto di valorizzazione turistica con un'immagine coordinata, e magari, altri dei quali nemmeno io sono a conoscenza perchè imbastiti da altri assessori. Mi citate lo stadio del ghiaccio? Bene, per quello esistono da anni progetti, preventivi, intere sedute di giunta dedicate alla valutazione di come e, soprattutto, con che soldi farlo, questo benedetto intervento. A molti piacerebbe collocarlo, ex novo, in una zona a minor impatto ambientale e vicino al campo da calcio, ma quanto costa, avete un idea? Noi si. Otto cifre prima della virgola... Altri si "accontenterebbero" di una grossa ristrutturazione, cambiando la copertura, chiudendolo e rifinendolo. Quasi impensabile,  "unamezzadozzinadimilioni". Euro, non lire. L'intervento minimo? Sabbiatura e riverniciatura dell'acciaio, chiusura e rifacimento del tanto contestato impianto di raffreddamento, quindi della pista stessa... Oltre il milione del signor Bonaventura...

Facile dire, stando seduti al bar, "la tua automobile fa schifo, è vecchia, inquina e i vicini ne hanno di migliori... E le palanche? Avendole, saprei già che modello prendere, ma non per questo vado al bar dicendo: "presto mi ordino la Porche 912,54 gtrs biturbo da 1.234 cavalli". Sperando poi di trovare i soldi. Ma noi siamo un Comune ricco, si dice, abbiamo la strada per le Tre Cime... Ma non è il famoso cesto dove qualcuno, duemila anni fa, continuava ad estrarre pane e pesci... Anche il "fondo Lavaredo" finisce... A proposito di fondo: se il Brancher finanzierà il progetto dello stadio, state tranquilli che saremmo i primi a pubblicizzarlo e farlo vedere alla gente. Gente che però, nel bene o nel male, ha votato perchè noi assumessimo queste decisioni. Altrimenti cosa serve l'Amministrazione? Mettiamo lì qualche burocrate o commercialista che faccia tornare i conti e che organizzi 3 referendum a settimana per Le decisioni... Ma ci sarà un motivo percui esistono solo i referendum abrogativi e non quelli propositivi? Ce ne sono tanti di motivi... Uno, ad esempio, che toccherebbe fare un referentum per deciderere quali progetti presentare al referendum... Ma Giusto per un "pourparler", giusto perchè è un argomento che mi coivolge particolarmente, pubblico di seguito quella che è la mia proposta architettonico-funzionale, senza darvi la certezza (chissà...) che sia la soluzione prescelta dall'Amministrazione e dall'equipe di architetti e ingegneri che si occupa della cosa... Magari datemi un vostro parere, se può essere vicino a quello che vi aspettate...







7 commenti:

  1. Sono rimasto colpito dall'indirizzo della sua proposta. Certamente innovativa e con attenzione per l'ambiente. L'abbinamento con una piscina è auspicabile. Per l'impianto termo-elettrico da lei proposto se portasse vantaggi è positivo. La sostituzione dei campi da tennis con i parcheggi non mi trova d'accordo a meno che non si pensi di ricostruirli all'interno della zona stessa.
    In conclusione giudizio positivo. Penso però che fare ciò comporti ugualmente un sacco di soldi. Per ora ci accontenteremo di sapere se per la stagione 2012-2013 " futura " avremmo il ghiaccio.

    RispondiElimina
  2. Egregio signor Marco, sono felice che apprezzi la mia soluzione che, ripeto, non è detto sia quella adottabile. Comunque andrà ancora analizzata a fondo per valutare la fattibilità e la convenienza tecnica di abbinarci una piscina e una centrale che sia a biomasse o a metano, questo a seguito della conferma del finanziamento, altrimenti è tempo perso. E' il motivo principale per il quale non abbiamo pubblicizzato l'intervento, cosa che non sembra sia stata capita da altri... Finchè non saremo sicuri di portare a casa il finanziamento dell'opera, è solo aria fritta e, oltre al tempo necessario alla pubblicazione di qualcosa che magari non vedrà mai la luce, saremmo impegnati a discuterne con chiunque, che sia esperto o meno in materia, interessato al progetto o solo alla polemica...
    Questo vale anche per la centrale a biomasse di Misurina, opera tanto caldeggiata dalla minoranza (non sarà che ci sono interessi privati da parte di proprietari di segherie?), ripescata ad ogni occasione, ma che solo ora abbiamo potuto inoltrare domanda di finanziamento. Approfondirò l'argomento a tempo debito, cosa comunque già illustrata dal Sindaco nel suo ottimo intervento a Radio Cortina, un appuntamento di ogni Martedì mattina.
    Sempre per un semplice disquisire, spiego perchè Nel progetto ho tolto i campi da tennis: innanzitutto la curvatura della copertura inerbata dello stadio, per avere altezza sufficiente sopra le tribune deve iniziare diversi metri all'interno degli attuali campi in terra rossa. Secondo, per creare la piscina, nella parte sotto lo stadio, si sottraggono posti auto necessari per la struttura stessa e per il mercato che occupa gli altri piazzali: collocati in quello spazio, magari con fondo in mattonelle forate con misto erba, è la soluzione più logica, mentre la rotazione e la diminuzione dei numeri dei campi da tennis non é consigliato per l'orientamento rispetto al sole. Questi dovranno trovare altra collocazione, magari nel centro sportivo "estivo" vicino al campo da calcio.
    Tornando "sulla terra", la sopravvivenza dell'attuale pista ghiacciata è legata non solo al "Brancher" per l'eventuale sostituzione, ma anche ad uno studio, commissionato da questa Amministrazione, finalizzato alla valutazione se, con le opportune modifiche e regolazioni, sia possibile ottenere il benestare da parte degli organi competenti. Anche per questo prenderò maggiori informazioni a breve.

    RispondiElimina
  3. Quanto ci vuole a rendere consultabili ai cittadini via web tutte le fatture pagate di importo superiore ai 500 euro? Non vedo difficolta' nel fare cio' ci sarebbe la tanto acclamata trasparenza e un segno tangibile di buona volonta' della amministrazione. Signor Andreas crede di poter fare cio'? grazie

    RispondiElimina
  4. Mi scusi Angelo ! Questi commenti si riferiscono allo stadio. Per cui se ha qualcosa da dire sull'argimento lo scriva altrimenti metta il suo commento in altra discussione più appropriata. Se si vuole essere trasparenti e chiari lo faccia anche lei. Senza raggruppare argomenti diversi.Lo dice un utente qualunque del forum.

    RispondiElimina
  5. Egregio Sig. Quinz.
    Spero che questa mia risposta al progetto del nuovo impianto sportivo abbia pubblicazione (non comne le precedenti mie due su altri argomenti- ma forse non sono arrivate). Come esperto di photoshop, niente da dire anzi.Come progettista...molto utopista. Mi sembra di capire che sia la pista, che la piscina sono illunminate artificialmente. Inoltre la copertura verde verrebbe effettuata con che materiale? Non sono un tecnico, ma penso che perchè sia calpestabile, dovrebbe essere di elevato spessore e quendi molto pesante.Ha provato a fare un piccolo calcolo della spesa necessaria? Comunque, sembre meglio di quello attuale ed inutilizzato. Ad Auronzo, necessitano, secondo me,: piscina,campi tennis,bocce,noleggio pubblico di biciclette,pista di ghiaccio e/o rollbar,....Distinti saluti Piero Pais

    RispondiElimina
  6. Egregio signor Pais, innanzitutto io ho pubblicato qualsiasi commento che abbia uno straccio di firma. Se Lei aveva firmato ugualmente gli altri, allora significa che non sono arrivati.
    Innanzitutto complimenti per esporre il proprio nome e cognome, lo fanno in pochi, come giustamente commenta Gioanin Comunista.
    Relativamente al progetto, grazie per gli apprezzamenti alle fotocomposizioni, per il resto cercherò di spiegarmi appena ritornerò dall'Austria dove sono invitato da Confindustria per uno studio sulle opportunità di autosufficienza energetica di una cittadina come Guessing. Vi chiedo un poco di pazienza. Grazie.

    RispondiElimina
  7. Alessandro Spanio2 febbraio 2012 11:04

    Gentile Sig. Quinz , da semplice frequentatore decennale di Auronzo non posso che fare i miei complimenti per una idea che trovo geniale, innovativa e funzionale.
    Volevo solo suggerire un possibile stile per la piscina che secondo me dovrebbe assomigliare il più possibile a quella presente a San Candido ; se non ci è mai stato la invito a visitarla (www.acquafun.com)
    Risulterebbe struttura oltre che sportiva molto divertente , utilizzabile a 360° principalmente per chi vive stabilmente nel Cadore.

    Cordialità
    Alessandro Spanio

    RispondiElimina